Seleziona una pagina

Il piano urbanistico

Il Piano urbanistico comunale è uno strumento di gestione del territorio composto da elaborati cartografici e tecnici che regolano la gestione delle attività di trasformazione urbana e territoriale nell’ottica della valorizzazione delle risorse produttive e della tutela e conservazione del patrimonio storico, paesaggistico e ambientale.

Obiettivo del Piano Urbanistico è quello di assicurare l’equilibrata espansione dei centri abitati in coerenza con la normativa e i vincoli regionali.

Il Piano Urbanistico Comunale regola l’uso del territorio agricolo e delle parti del territorio destinate allo sviluppo turistico e produttivo industriale-artigianale, detta norme per il recupero e l’uso del patrimonio edilizio esistente e regola la dotazione di servizi sociali e di carattere infrastrutturale del territorio comunale. Il PUC contiene tutti quei criteri di sviluppo compatibile e sostenibile che tenendo conto della vocazione delle terre per i diversi usi hanno l’obiettivo prioritario di conservare le risorse ambientali dal consumo irreversibile.

Le norme d’attuazione integrano e completano quelle del Regolamento Edilizio del Comune di Sedilo per le zone dell’agglomerato urbano esistente, per le zone di espansione, per le aree extraurbane, per la rete delle infrastrutture e per la destinazione d’uso del territorio. Tutte le norme precedentemente in vigore ed in contrasto con le presenti sono abrogate.

Consulta le norme tecniche d’attuazione

Zonizzazione

Zona A – Centro storico

Sottozona A1 – Centro Storico dotato di Piano di Attuazione: si riferisce alle aree e agli isolati del vecchio nucleo urbano regolamentati col Piano Particolareggiato approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n° 32 del 24-03-1993.

Sottozona A2 – Ampliamento Centro Storico: aree prospicienti la Sottozona “A1” non ancora dotate di Piano Attuativo.

Sottozona A3 – San Costantino: aree urbanizzate site attorno al santuario di San Costantino già dotate di Piano Attuativo

Sottozona A/G – Antica Struttura Edilizia: aree ricadenti all’interno dell’antico nucleo urbano di Sedilo che si prestano ad essere destinate a Servizi connessi al Turismo.

Zona B – Completamento residenziale

Aggregato urbano compreso tra il centro storico e le zone “C” di espansione residenziale. Si suddivide in due sottozone:

Sottozona B1 – Completamento Residenziale Conservativo: isolati contigui al centro storico ed edifici in diretto rapporto visuale con la zona “A”.

Sottozona B2 – Completamento Residenziale: nucleo urbano compreso tra la sottozona “B1″ e le zone “C” di espansione residenziale, è costituita da abitazioni unifamiliari, generalmente a due piani, del tipo a schiera o isolate.

Zona C – Espansione Residenziale

Sottozona C1 – Dotata di Piani Attuativi: aree di espansione residenziale site a Est e Nord-Ovest dell’abitato regolamentate con il Piano Particolareggiato approvato con il Decreto Assessoriale n° 362 del 05-06-1974 e n° 104 del 26-06-1975 e dal Piano Particolareggiato approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale del 28-01-1995

Sottozona C2 – Espansione Residenziale: aree di espansione residenziale poste a Sud-Est, Sud-Ovest e Nord, Nord-Ovest dell’abitato.

Zona D – Industriale, Artigianale e Commerciale

Si riferisce alle parti del territorio comunale destinate a nuovi insediamenti per attivitàartigianali, industriali, complementari alla grande industria, commerciali e terziarie in genere, manifatturiere, di trasformazione, deposito conservazione e distribuzione dei prodotti agro-pastorali e/o connessi con il settore primario dell’agricoltura, zootecnia.

Sottozona D1 – Dotata di Piani Attuativi: area in prossimità dell’abitato, in località “Su Pranu”, costituita da due corpi contigui di cui il primo, contraddistinto in Catasto con il mappale 1134 del Foglio 46, per intero di proprietà del Comune, il secondo contraddistinto con i mappali 56, 57, 17 parte, 22 parte, 111 parte, 112 parte e 67 parte del Foglio 37 di proprietà privata e solo per una piccola parte di proprietà pubblica.

Sottozona D2 – Industriale, Artigianale e Commerciale: area, sita in località “Santu Leori” in prossimità della S.S. 131, di proprietà di privati cittadini.

Sottozona D3 – Strutture Esistenti:siti e complessi costruttivi che, seppure dislocati in zona “E”, fanno ormai parte del tessuto artigiano-commerciale di Sedilo.

Zona E – Agricola

Parti di territorio destinate all’agricoltura, alla pastorizia, alla zootecnia, all’itticoltura, alle attività di conservazione e di trasformazione dei prodotti aziendali, all’agriturismo, alla silvicoltura e alla coltivazione industriale del legno.

Sottozona E1 – Area caratterizzata da una produzione agricola tipica e specializzata: parti di territorio extraurbano siti a nord dell’abitato verso Borore e Noragugume, denominati genericamente “Partesusu” e a est, denominati “Su Pranu”, “Binzardaini”, “Pala de sos Crecos”, “Spilunca Niedda” e “Campizzolu”.

Sottozona E2 – Area di primaria importanza per la funzione agricolo-produttiva, anche in relazione all’estensione, composizione e localizzazione dei terreni: parte del territorio extraurbano caratterizzato da alte potenzialità agricolo produttivi anche perché irrigui.

Sottozona E5 – Area marginale per l’attività agricola nella quale viene ravvisata l’esigenza di garantire condizioni adeguate di stabilità ambientale: Suddivisa nelle subsottozone E5a (comprende una vasta area ad alta valenza ambientale inclusa nelle località “Su Mudregu”, “Serra Maiore”, “Littu”, “Littigheddu”, “Sa Serra”, “Busurtei”, “Monte Maiore”) ed E5b (porzione di territorio, che, affacciantesi sul lago Omodeo, è stata dichiarata di notevole interesse pubblico dal Decreto del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali del 29-03-1980).

Zona F – Turistica
Parte di territorio identificata attraverso l’accordo di programma PIA – Horse Country per lo sviluppo delle risorse turistiche attraverso l’utilizzo del cavallo.
Zona G – Servizi di Interesse Generale

Si riferisce a quelle parti di territorio comunale destinate ad edifici, attrezzature ed impianti pubblici e privati riservati a servizi di interesse generale quali strutture per i beni culturali, archeologici, la sanità, lo sport anche equestre, attività ricreative, parchi, impianti di depurazione, impianti di macellazione, inceneritori e simili.

Sottozona G1 – Centro Polivalente: area posizionata ad est del centro abitato, posta al limitare dell’ anfiteatro naturale che contiene il santuario campestre di San Costantino e confinante con la strada che porta ad esso.

Sottozona G2 – Centro Ippico: ricade ad est del centro abitato di Sedilo, confina con l’area che accoglie il Centro Polivalente (sottozona “G1”) tramite la strada che porta al santuario campestre di San Costantino e con la fascia di rispetto cimiteriale.

Sottozona G3 – Mattatoio Comunale: area pubblica, sita a Nord dell’abitato, denominata “Sa Orta ‘e Lighei”, distinta in catasto al Foglio 35, mappali 125 e 34.

Sottozona G4 – Strutture per la Tutela Ambientale: suddivisa in subsottozona G4a che comprende al suo interno l’impianto di depurazione dei reflui provenienti dall’abitato di Sedilo e subsottozona G4b, centro raccolta differenziata R.S.U., ubicato nel vecchio recinto di marchiatura bestiame presso lo svincolo per Borore-Noragugume

Sottozona G5 – Parco Urbano: zone periferiche del paese esterne alla circonvallazione destinate a parco urbano ed a servizi per il tempo libero.

Sottozona G6 – Strutture per lo Sviluppo Turistico: suddivisa in subsottozona G6a,area prospiciente al lago Omodeo, attigua alla zona “F” e posta in prossimità dello svincolo sulla S.S. 131 e subsottozona G6b, ubicata presso la ex discarica in località “Biddinchisi”, dedicata a tutte le attività di servizi a sostegno del turismo equestre od archeologico e/o naturalistico.

Sottozona G7 – Servizi per il Trasporto Pubblico: area ricadente lungo la circonvallazione ovest non distante dagli incroci per Borore e Noragugume e per la SS 131 bis che si presta ad essere destinata ai servizi connessi con il trasporto extraurbano ed i collegamenti con il resto dell’isola

Sottozona G8 – Distributore Carburante SS131

Zona H – Salvaguardia

Sono comprese in questa zona le parti di territorio che rivestono un particolare pregio ambientale, naturalistico, geomorfologico, speleologico, archeologico, paesaggistico o di particolare interesse per la collettività quali fascia attorno all’agglomerato urbano, fascia dirispetto cimiteriale.

Sottozona H1 – Cimiteriale: costituita da una fascia, profonda 80 metri che si sviluppa sui lati del cimitero prospicienti il paese ove è già stata concessa una deroga, ed che viene, invece, ampliata fino a ml 200 misurati dalla recinzione del cimitero, in tutte le restanti direzioni.

Sottozona H3 – Corsi d’Acqua: fascia larga metri 150, misurati dagli argini dei corsi d’acqua.

Sottozona H4 – Monumentale e Archeologica: fascia larga metri 50 misurata dal perimetro dell’emergenza archeologica.

Zona S – Servizi

Le aree destinate a Servizi S sono comprese all’interno di tutte le zone omogenee, con eccezione della zona G.

Servizi S1 – Istruzione: asili nido, scuole materne, scuole elementari, scuole superiori di I° grado.

ServiziS2 – Attrezzature di Interesse Comune: religiose, culturali, sociali, assistenziali, sanitarie, amministrative, pubblici servizi (uffici, P.T., banche, etc.).

ServiziS3 – Spazi pubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sport.